Istanze di autorizzazione all’installazione e di sistemi di controllo a distanza


SI forniscono indicazioni operative sull’istruttoria delle istanze di autorizzazione all’installazione e di sistemi di controllo a distanza ai sensi dell’art. 4 L. n. 300/1970.


Come noto, gli impianti audiovisivi e gli altri strumenti dai quali derivi anche la possibilità di controllo a distanza dell’attività dei lavoratori possono essere impiegati esclusivamente per esigenze organizzative e produttive, per la sicurezza del lavoro e per la tutela del patrimonio aziendale e possono essere installati previo accordo collettivo stipulato dalla rappresentanza sindacale unitaria o dalle rappresentanze sindacali aziendali.
In alternativa, nel caso di imprese con unità produttive ubicate in diverse province della stessa regione ovvero in più regioni, tale accordo può essere stipulato dalle associazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale.
In mancanza di accordo, gli impianti e gli strumenti di cui al primo periodo possono essere installati previa autorizzazione delle sede territoriale dell’Ispettorato nazionale del lavoro o, in alternativa, nel caso di imprese con unità produttive dislocate negli ambiti di competenza di più sedi territoriali, della sede centrale dell’Ispettorato nazionale del lavoro. I provvedimenti di cui al terzo periodo sono definitivi.
Ebbene, la presenza di indici dai quali emerga l’eventuale violazione della suddetta previsione, implica necessariamente l’avvio “senza ritardo” dell’accertamento, mediante programmazione di un sopralluogo ispettivo volto ad assicurare le fonti di prova.
Tale attività non può quindi essere rimandata in attesa del rilascio della eventuale autorizzazione, che costituisce un autonomo provvedimento amministrativo.
Al contrario, il personale investito dell’istruttoria della pratica di autorizzazione è tenuto a segnalare al Processo vigilanza le istanze in questione, evidenziando gli elementi sulla base dei quali si rende opportuno l’avvio di un accertamento sulla sussistenza del reato.